Home / Alimentazione / I vantaggi dell’olio di salmone

I vantaggi dell’olio di salmone

Il pesce costituisce una parte importante di una dieta sana per il cuore, in parte grazie al suo contenuto di olio benefico. Se non si consuma abbastanza pesce nella propria dieta, è possibile prendere in alternativa un supplemento di olio di pesce come l’olio di salmone. Esso è una fonte eccellente di acidi grassi omega-3, perché ogni cucchiaio contiene 1,8 g di acidi grassi omega-3 EPA, o acido eicosapentaenoico e 2,5 grammi di DHA o acido docosaesaenoico – e questi grassi sono responsabili di molte dei suoi benefici per la salute.

Gli acidi grassi omega-3 che si trovano nell’olio di salmone sono eccellenti per la salute cardiovascolare. Essi infatti aiutano a combattere l’infiammazione, sopprimendo l’attività di un gene pro-infiammatorio, chiamato NF-kB. Questo favorisce la salute cardiovascolare, perché l’infiammazione aumenta il rischio di malattie cardiache. Il consumo di DHA e EPA permette anche di abbassare i livelli di trigliceridi nel sangue, combattendo i trigliceridi alti che contribuiscono alla malattia cardiovascolare, e anche a promuovere la funzione dei vasi sanguigni sani e pressione sanguigna più bassa. Nel complesso, questo significa che consumare più omega-3 come quelli che si trovano in olio di salmone riduce il rischio di infarto e malattie coronariche.
A causa del loro ruolo nel processo infiammatorio, gli omega-3 aiutano a controllare i sintomi dell’artrite reumatoide, osserva l’Università del Maryland Medical Center. Prendere olio di salmone in combinazione con gli antidepressivi potrebbe anche aiutare a curare la depressione, anche se l’UMMC spiega che non è ancora chiaro come funziona.

L’olio di salmone offre un’alternativa sicura ad alcuni altri oli di pesce, come l’olio di fegato di merluzzo, perché non contiene vitamina A. Infatto l’olio di fegato di merluzzo ha un elevato contenuto di vitamina A, e ogni cucchiaio da tavola contiene più del massimo giornaliero di vitamina per sicuro un apporto . Di conseguenza, utilizzando l’ olio di fegato di merluzzo come fonte quotidiana di acidi grassi omega-3 può essere dannoso, infatti un eccesso di vitamina A può provocare danni alla pelle e dolori articolari e può anche indurre in coma. Poiché l’olio di salmone non contiene vitamina A, si può prendere tutti i giorni senza rischiare un sovradosaggio di vitamina A.

Mentre l’olio di salmone offre una sicura alternativa ad altri oli di pesce,può avere anche effetti collaterali.Consumare troppi acidi grassi omega-3 può diluire il sangue e aumentare il rischio di sanguinamento eccessivo, soprattutto se contemporaneamente si assumono altri farmaci per fluidificare il sangue.Gli omega-3 in olio di salmone possono anche influenzare i livelli di zucchero nel sangue e interagire con i farmaci per il diabete a ridurre lo zucchero nel sangue. Inoltre l’olio di salmone potrebbe contenere tossine ambientali, come è stato discusso in uno studio pubblicato nel “Journal of metodi automatici e di gestione in Chimica” nel 2005. I ricercatori hanno studiato i livelli di mercurio di diversi integratori alimentari e hanno scoperto che l’olio di salmone ha avuto il più alto contenuto di mercurio .Quindi è bene parlare col proprio medico sulla necessità di prendere olio di salmone, e chiedere al medico di consigliare un integratore sicuro e un dosaggio adeguato.

Leggi anche

cosa sono e dove si trovano i carboidrati

I carboidrati

Vediamo che cosa sono i carboidrati e dove possiamo provarli. I carboidrati si trovano nella …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *