Home / Diete / Dieta dissociata
perdere 10 kg con dieta

Dieta dissociata

La dieta dissociata è stata inventata dal Dott. William Howard Hay nel 1911 e consiste nella dissociazione, durante lo stesso pasto, o nell’arco della stessa giornata, di alimenti che possono entrare in conflitto tra loro. Il Dott. William Howard Hay era convinto che evitando di consumare contemporaneamente i carboidrati e le proteine, si potevano ottenere dei risultati assai più gratificanti, rispetto a quanto poteva accadere facendo il contrario.

I pilastri della la dieta dissociata

non eccedere mai in proteine, amido e grassi;

non mangiare le proteine assieme ai carboidrati

evitare i cibi troppo raffinati

far intercorrere un intervallo di circa 4 ore fra un pasto e l’altro

mangiare frutta e verdura a volontà

Alla base della dieta dissociata c’è la diversa assimilazione degli alimenti: mentre la digestione degli amidacei (carboidrati) inizia in bocca, quella delle proteine incomincia nello stomaco. Se le sostanze proteiche e i carboidrati venissero assunti contemporaneamente, la loro digeribilità verrebbe compromessa. Quando la dissociazione non viene rispettata si possono creare condizioni di nausea, pesantezza, flatulenza e acidità di stomaco.
Normalmente, l’unità di dissociazione della dieta è rappresentata dal pasto o dal giorno.

Varianti della dieta dissociata

Una di queste è rappresentata dalla cronodieta, cioè la dieta che si basa sulle variazioni circadiane delle diverse funzioni biologiche dell’organismo, che a loro volta si fondano sui cambiamenti ormonali durante la giornata. Le funzioni biologiche di un organismo non sono fisse, ma variano ciclicamente nell’arco dell’intera giornata, del mese o dell’anno solare. La cronodieta prevede il consumo di carboidrati durante il pranzo e l’assunzione di proteine la sera (di notte, quando si riposa, la ricostruzione della massa muscolare può procedere più correttamente).
Un altro esempio di dieta dissociata è rappresentato dalla dieta di Antoine, dove ogni giorno si può mangiare un unico piatto scelto fra latticini, verdure, uova, frutta, carne e pesce.

DIFETTI DELLA DIETA DISSOCIATA

La stragrande maggioranza di alimenti semplici contiene già una mescolanza di macronutrienti; inoltre, per quel che concerne la miglior digeribilità degli alimenti, occorre sottolineare che un organismo sano e in buono stato di salute, può tranquillamente mangiare di tutto e contemporaneamente (osservando naturalmente il buon senso!).
Evidenze scientifiche hanno dimostrato che una dieta variata risulta essere più bilanciata e meglio accettata (nei soggetti sottoposti ad un’alimentazione bilanciata si osserva una maggiore tendenza alla perdita di peso!); inoltre, una dieta variata è assai più pratica per soddisfare le esigenze individuali legate al gusto.

Leggi anche

dieta equilibrata in alimenti

Dieta equilibrata

I motivi che possono indurci a correggere la nostra dieta sono molti: problemi di stitichezza, …